La Pastiera Napoletana di Clara

Questa è in assoluto una delle ricette per Pastiera meglio riuscite. La ricetta mi è stata regalata da un’amica campana, Clara, che non finirò mai di ringraziare. Da quando ho provato questa ricetta, questo è diventato il mio dolce pasquale per eccellenza, quello che non può assolutamente mancare sulla mia tavola.
Cosa scommettiamo che diverrà anche il vostro?
Eccovi la ricetta:
Ingredienti per la frolla
400 gr. di farina
200 gr. di strutto (o anche 100 gr. di strutto e 100 gr. di burro ….ma lo strutto ci deve stare perchè le conferirà un sapore speciale ed una consistenza più morbida!)
200 gr. di zucchero
2 uova intere (gli albumi la renderanno la pasta molto più elastica)
Preparare le frolla e farla riposare in frigo per circa due ore.
Ingredienti per il ripieno:
400 gr. di grano pronto per pastiera
100 gr. di latte
30 gr. di burro
la buccia grattugiata di un limone bio
Versare tutti gli ingredienti in un pentolino e far cuocere finchè il grano avrà assorbito bene il liquido ed il tutto sarà sufficientemente denso. Lasciar raffreddare.
Frullare assieme i seguenti ingredienti:
350 gr. di ricotta
220 gr. di zucchero
3 uova ed un tuorlo
una bustina di vanillina
una fialetta di millefiori (o fiori d’arancio)
Aggiungere poi, usando una frusta, la crema raffreddata di grano e 50 gr. di cedro candito tagliato finemente con il coltello.
Disporre un disco di frolla che rivesta bene fondo e bordo della teglia (io uso una tortiera apribile di circa 26 cm. di diametro) in modo da contenere tutta la crema. Versarvi la crema. Preparare tante striscette di pasta frolla e disporle in modo da creare una grata sulla superficie della crema, come per una crostata. Informare a 180 °C per circa 60 – 90 minuti. Una volta terminata la cottura (regolatevi in base al colore della superficie: quando sarà ben dorato sarà pronta) spegnere il forno e lasciarla raffreddare al suo interno. Appena fredda spolverarla di zucchero a velo.
E’ buona anche a distanza di qualche giorno, forse ancor di più.

29 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *